BLOOMRIOT > Letto > Paula Spencer

Paula Spencer

Paula tornata, ed a posto

Roddy Doyle, Paula Spencer. Guanda 2006    

Narrativa > L'avevamo conosciuta in La donna che sbatteva nelle porte, il libro in cui si tratteggiava la figura di Paula e dei suoi figli.
Paula un'alcolizzata. Lo era ne La donna che sbatteva nelle porte e lo ora.
Alcolizzati lo si per sempre.
Charlo, il marito che la picchiava, stato sbattuto fuori di casa e alla fine stato ammazzato dalla polizia durante un colpo. Sono molti anni che Paula manda avanti la sua vita da sola. Ma sono solo pochi mesi che ha smesso di bere. Sta faticosamente (la sua fatica ci palpabile ad ogni pagina, sia quando crede di non farcela pi, che quando contenta e fiduciosa) cercando di venirne fuori. Lavora per un'impresa di pulizie. Si occupa di case e di uffici. In casa, a Dublino, due figli, Jack e Leanne. La figlia maggiore, Nicola, quella che si presa cura di tutti mentre lei era troppo ubriaca anche per stare in piedi, ha un marito e due figlie. C' sempre. Si occupa di lei, la controlla, la vizia di regali. Se ha un problema, non glielo dice.
John Paul, il quarto figlio, dopo un passato da eroinomane si ripresentato alla sua porta. Ha una compagna, due figli ed pulito. Imprescrutabile. Paula lo vede con enorme rispetto e timore. Non sa gestirlo, ma sente di volerlo nella sua vita. John Paul una specie di guru.
Paula non beve e fa i sacrifici e a poco a poco il frigo pi pieno e pu prendere un pc a Jack e comprarsi uno stero su cui ascolta di continuo gli U2 e i Whitestripes. A volte le giornate sono buone. Altre, Paula si sente brutta e goffa e non all'altezza delle pi semplici cose. Si vergogna. Si sente in colpa. Chiede scusa. Si sente controllata. Cerca di riconquistare la fiducia del suo adoratissimo Jack.
A mano a mano che la sua vista si rischiara, si rende conto che Leanne un'alcolizzata.
Ci sono scontri molto forti tra le due.
Ma poi, assieme, e con l'aiuto di John Paul, pare che anche Leanne intraprenda il suo percorso per uscire.
E in questa famiglia tutti i rapporti sono nuovi. Tutti si scoprono, tutti difendono il loro spazio, tutti si lasciano andare a poco a poco. Anche Denise (la sorella con l'amante di Paula) e Carmel (l'altra sorella, quella senza una tetta). Tutti, a parte Nicola, che da madre a tutti l'ha sempre fatto e non in grado di smettere, o di rendersi conto che a un certo punto alle persone va concessa anche la fiducia, tutti si scoprono.

Paula Spencer scritto con il consueto stile semplice e piano di Roddy Doyle, che basa moltissimo sul dialogo e che usa il cut off per saltare da una situazione all'altra, a volte neppure risolvendo i frangenti che va a ritrarre. L'ironia pervade le sue pagine. I personaggi sono ancor pi credibili per il semplice fatto che scherzano.
Ma ci che pi sorprende la capacit dell'autore irlandese di ritrarre la fatica di Paula.
Il dolore. Il male fisico. E il senso di liberazione che si avverte quando queste sensazioni, a volte anche solo fugacemente, se ne vanno.

"Era andata spesso a scuola senza fare colazione, Leanne, e senza nessuno che le desse un bacio prima di uscire.
In passato. Sa che sono tutte cazzate. Lei pi di chiunque altro lo sa benissimo che le cose uno non se le lascia alle spalle. Se le porta dietro. Si pu imparare a cavarsela. Pi di questo non ci si pu aspettare
".


Paula Spencer, tradotta da Giuliana Zeuli
319 pagine
16 euro


di: KIBIUSA

Articolo inserito il: 2007-11-06


Paula Spencer