BLOOMRIOT > Sentito > Interpol

Interpol

L'oscurità può brillare

Interpol, . Milano Alcatraz 2007-11-13    

Live > Pensatela come vi pare ma io gli Interpol li amo, li adoro. Senza offesa ma forse non possono essere capiti da tutti. Probabilmente (sono solo supposizioni) bisogna aver dentro insito in noi un vero lato oscuro, di sofferenza, che gruppi come gli Interpol riescono a far trapelare in individui sensibili che hanno visto il dolore. Niente di complicato, è solo che il quartetto di New York arriva dritto al cuore, sfiora la mente, prende le emozioni in mano e te le stritola ridandotele più potenti di prima. Alcatraz tutto esaurito, massa di individui in un delirio contenuto, perchè i fans degli Interpol non sono di quelli che si strappano i capelli. A parte qualche quindicenne immancabile in prima fila contro il quale non si può disputare nulla essendo ancora ragazzino. Gli Interpol vanno ascoltati in solitudine probabilmente, per goderli fino in fondo, ma i loro concerti sono in grado di isolarti, tutto ciò che c'è attorno scompare quando suonano dal vivo o nei nostri lettori mp3. I sentimenti rilevanti si fondono con la voce toccante di Paul Banks, che era in ottima forma,con gli arpeggi struggenti e perfetti del grande chitarrista Daniel Kessler. L'ultimo album Our love to admire è una chicca, un piccolo capolavoro che dopo qualche ascolto è impossibile togliere dallo stereo per mesi. Nessuna delusione, nessuna mancanza, hanno accontentato tutti con le più commerciali Evil, Slow hands regalando anche perle come la struggente Lighthouse e No'1 In threesome. Un'ora e mezzo di voli pindarici che avremmo voluto non finissero mai. New York ispira, loro sono persone intelligenti ed acculturate e cantano semplicemente poesia. Perfetti, senza muri di suono, delirio e distorsori, pura semplicità e ricerca dei suoni che dal vivo non si differenziano molto da quelli dall'album. Gli Interpol sanno emozionare, fanno pensare e sono dei grandi musicisti.
Da menzionare anche i Blonde Redhead che hanno aperto il concerto in maniera strabiliante, preparandoci ad una serata davvero indimenticabile. Altre parole rovinerebbero soltanto il ricordo e le sensazioni irripetibili di un concerto imperdibile. Continuate a godere degli Interpol ascoltando i loro cd all'infinito, perchè loro sono eterni, resteranno per sempre nei nostri cuori, impressi a fuoco nelle nostre anime, per chi ancora ne ha una.


di: dejanira

Articolo inserito il: 2007-11-14

Articoli Collegati:
- INTERPOL - Antics
- BLONDE REDHEAD - Recensione di 23


Interpol
Hai del materiale iconografico riguardante questo articolo? redazione@bloomriot.org

Articoli Collegati: