BLOOMRIOT > Letto > Lo stano caso del cane ucciso a mezzanotte

Lo stano caso del cane ucciso a mezzanotte

Un giallo speciale

Mark Haddon, Lo stano caso del cane ucciso a mezzanotte. Einaudi 2003    

Narrativa > Il romanzo, assai breve, come una scatola cinese: inizia con un giallo (il cane della vicina di Cristopher, la voce narrante, ammazzato con un forcone) per passare a un'altro (la mamma morta di Cristopher gli scrive?) e quindi con un viaggio (Cristopher parte per Londra).
Il tutto scritto in modo semplice ed avvicente, usando la voce narrante di un quindicenne autistico, che, a poco a poco, cerca di imparare a prendersi cura di se stesso.
Quindi Christopher, ossessionato dalla ricerca di sicurezza, che gli deriva dall'applicazione della logica in ogni aspetto della quotidianita'. Purtroppo, il mondo di tutti i giorni e' il susseguirsi di cose caotiche, pericolose, prive di rigore matematico.
La cosa che pero' colpisce favorevolmente e' il modo in cui essa e' raccontata.
Leggendo il libro si sta leggendo in ralta' un altro libro, ovvero quello che Christopher stesso scrive sulla vicenda, dietro suggerimento di una sua insegnante.
Pertanto il racconto si dipana solo ed esclusivamente attraverso gli occhi di Christopher, ed e' impregnato dalle sue sensazioni, dalle sue emozioni, dalla sua logica matematica (tanto che i capitoli sono infatti numerati con i numeri primi).
Tutto cio' che Christopher compie e descrive visto dall'esterno e' "anormale", ma sentirlo narrato da lui stesso acquista un senso, un perche', nessuna delle sue azioni e' casuale ma profondamente ragionata.

Si puo' dire che il modo in cui e' raccontata la storia e' piu' coinvolgente della storia stessa.


- The Curious Incident of the Dog in the Night-Time -
traduzione di Paola NOvarese
247 pagine


di: KIBIUSA

Articolo inserito il: 2007-12-24


Lo stano caso del cane ucciso a mezzanotte