BLOOMRIOT > Sentito > ART BRUT: BRILLIANT! TRAGIC!

ART BRUT: BRILLIANT! TRAGIC!

Un disco ironico, ridondante, divertente, un poco ridicolo e, forse, assolutamente inutile. Brillante e Tragico. Un po' come la vita

Art Brut, Brilliant!Tragic!. Cooking Vinyl 2011    

Supporti > Nonostante sia uscito solamente ieri nei negozi di dischi, è già qualche settimana che ho tra le mani il nuovo disco degli ART BRUT, "Brilliant! Tragic!"

E devo dire ci ho messo un poco a digerirlo. Ma giorno dopo giorno mi è entrato sempre più nella testa. Uguale e diverso ai precedenti lavori Brilliant! Tragic! segna una svolta nella band di Eddie Argos. Uguale perchè i testi ironici e le musiche metalliche e stridenti ricordano e tanto i precedenti album. Diverso perchè, in parte, gli Art Brut rinunciano al loro marchio di fabbrica, quel parlato graffiante di, per esempio, Emily Kane o My Little Brother.

Un disco ironico, ridondante, divertente, un poco ridicolo e, forse, assolutamente inutile. Brillante e Tragico. Un po' come la vita. Consigliato.

Prodotto ancora una volta da Black Francis (esatto quello dei Pixies nientepopodimenoche) a differenza del precedente "Art Brut vs Satan", (registrato in 2 settimane) "Brilliant!Tragic!" ha avuto una gestazione molto più elaborata come ci confessa Eddie:
"Con il precedente album ci siamo incontrati ogni due mesi per scrivere due o tre canzoni. Con questo ultimo ci siamo riuniti la seconda parte dell'anno e abbiamo scritto quando possibile 2 o 3 volte a settimana. Abbiamo speso più tempo in studio così che Black Francis ha potuto finalmente insegnarmi a cantare! Ci sono voluti solo quattro album per iniziare a cantare... non male!

A cosa si riferisce il titolo dell'album?
Gli album degli Art Brut hanno sempre avuto titoli molto diretti: "Bang Bang Rock and roll" era esattamente quello che diceva il titolo, "It's a bit complicated" è stato un po'complicato, con "Art Brut vs Satan" abbiamo avuto una lite con Satana. Quest'ultimo album segue lo stesso modello: è brillante e tragico. Fosse uno show sarebbe una tragicommedia.

Chiediamo a Eddie in cosa quest'album differisca dai precedenti lavori:
"Beh, io canto, Ian ha un nuovo pedale, Fred canta i cori per la prima volta e abbiamo lasciato Jasper suonare un assolo (ma solo due corde). Inoltre mentre negli ultimi album vi erano testi riguardanti cose mondane e eccitanti come prendere l'autobus, lavori estivi e avere canzoni intrappolate nella testa, quest'album riguarda più il fatto di come io sia telepatico, canzoni per il mio funerale, il principato di Sealand e Axl Rose. Concetti piu profondi credo. E inoltre sono più sexy... Inoltre mentre nell'ultimo album abbiamo martellato dall'inizio alla fine come una vera punk band, in questo ci sono un po di canzoni per farvi riprendere il fiato..."

Piani per il 2011?
suonare ovunque possibile, rock out e scrivere canzoni

Prossime date?
Fino al 28 saremo in giro per l'Europa dal 30 al 3 giugno faremo una serie di date al Lexington Pub di Londra.

Dove andremo a incontrarli



di: RADIOTAKESHI

Articolo inserito il: 2011-05-24


ART BRUT: BRILLIANT! TRAGIC!