BLOOMRIOT > G215 > SCERIFFO RUDOLPH GIULIANI

SCERIFFO RUDOLPH GIULIANI

Tolleranza zero da esportazione: da New York City a Città del Messico

SCERIFFO RUDOLPH GIULIANI, .    

G215 > L’ultimo straniero ad occuparsi di sicurezza a Città del Messico è stato un tal Hernando Cortés che nell’anno 1519 scriveva “I messicani ci costringeranno ad ucciderli tutti, comincio a chiedermi come possa fare per terrorizzarli ed al contempo ricondurli all’ordine”. Nessuno paragona Rudolph Giuliani, l’ex sindaco della Grande Mela a Hernando Cortés, né la sua “Zero Tolerance” ai metodi dell’Inquisizione Spagnola. A parte questo, la municipalità di Città del Messico pagherà ben 4,3 milioni di dollari Giuliani e la sua nuova società di consulenza per portare ordine nella caotica megalopoli e nel paese: compito ingrato che Cortés portò a termine distruggendo la città e che il politico italoamericano eredita a distanza di 500 anni.
La Tolleranza Zero, cioè l’idea che nessun crimine sia da considerare minore ai fini del perseguimento dello stesso ha portato in 8 anni alla riduzione di 2/3 dei crimini commessi a New York e si prepara ora a sbarcare oltrefrontiera.
Conscio delle differenze inevitabili tra la Grande Mela e la più grande ed inquinata megalopoli del pianeta, Rudolph Giuliani sembra convinto di riuscire anche in questa sfida, promuovendo il suo ideale simil Platonico di Città Stato già messo in atto in patria.
Rafael Ruiz Harrell, il più conosciuto criminologo messicano non è d’accordo, secondo lui: “arrestare piccoli spaciatori, prostitute e borseggiatori servirà solo a riempire le galere di povera gente”. D’altro canto Marcelo Ebrard, il capo della polizia di Città del Messico afferma che le sue intenzioni non sono quelle di arrestare ogni criminale, bensì di mettere in atto “una nuova strategia di attacco”.
La realtà più dura da accettare è che la polizia stessa è in stretti rapporti con la criminalità che conta. A Città del Messico ci sono all’incirca 90,000 poliziotti, mal equipaggiati e mal preparati, il cui stipendio medio si aggira intorno ai 200 dollari alla settimana: molti “arrotondano” tali entrate prendendo parte a piccole rapine, cospirando con rapitori e prendendo mazzette. Indirettamente ma non troppo, ciò comporta che la maggior parte dei crimini non viene denunciata per paura di chiamare in causa la polizia e che le statistiche di quelli registrati non superano il 25% dei crimini realmente commessi. Alcuni quotidiani di sinistra della città, come La Jornada hanno anche denunciato le controindicazioni dell’arrivo di Giuliani in Messico, sottolineando tutte le distorsioni manifestatesi a New York nell’applicazione della Zero Tolerance, in special modo l’accanirsi degli ufficiali nel perseguire e demonizzare latini, neri ed in genere le frange emarginate della popolazione cittadina.
Al di là delle critiche, l’arrivo di Giuliani non è però mal visto da tutti. Gli executives delle principali compagnie della città plaudono infatti la sua venuta e partecipano direttamente al pagamento delle spese che ne conseguono, come è nel caso di Carlos Slim, patron della Télefonos de México, ritenuto l’uomo più ricco di Città del Messico.
In ogni caso, da parte di tutte le fazioni più o meno favorevoli all’ex sindaco di New York si manifesta un pragmatismo di fondo: riuscirà Giuliani a districarsi tra leggi permissive e mal adatte, polizia corrotta e giudici consenzienti?
Infine una riflessione personale. Città del Messico è sicuramente una megalopoli problematica, probabilmente pericolosa, ma una volta messi in carcere tutti gli attuali delinquenti, siamo sicuri che i problemi sociali (a cui nessuno importa) ed il degrado persistente non ne producano di nuovi? Mi pare che la soluzione scelta sia quella di “potare” l’albero malato stagionalmente, senza però risolvere la malattia alle radici. Per non parlare del vero crimine che viene commesso quotidianamente a Città del Messico dalle industrie che fanno capo agli stessi finanziatori dell’impresa Giuliani e cioè l’inquinamento atmosferico: verranno arrestati anche loro per crimini contro l’umanità?


di: DHARMABOY

Articolo inserito il:


SCERIFFO RUDOLPH GIULIANI

SCERIFFO RUDOLPH GIULIANI

SCERIFFO RUDOLPH GIULIANI

SCERIFFO RUDOLPH GIULIANI