BLOOMRIOT > Sentito > PLANET FUNK

PLANET FUNK

"Corri,vai a suonare!"

PLANET FUNK, . Motion - Bergamo    

Live >

Abbiamo potuto fare una chiacchierata/intervista con i Planet Funk al termine del loro acclamato e caldissimo concerto al Motion. Abbiamo parlato con lo scatenato cantante inglese Dan (che, a dispetto di quanto sembri un pazzo sul palco, è in realtà gentilissimo e allegro...) e con il chitarrista...

- Allora, Dan, come ci si sente a essere catapultati a suonare di fronte a tanta gente che ti acclama come una star? Pochi giorni fa avete suonato anche al concertone del Primo Maggio a Roma...

Beh,lì è stato un delirio...Anche se è stato tutto talmente veloce che quasi non mi sono accorto di nulla...A un tratto un tipo è venuto da me nel backstage e mi ha detto "Corri,vai a suonare!" e d'un tratto ero lì davanti a centinaia di migliaia di persone! Bellissimo, ma stasera, con meno gente ma tutta lì per noi e così coinvolgente, è stato ancora più bello!

- E come è nata la tua collaborazione coi Planet Funk?

Attraverso internet...loro hanno sentito le cose che ho fatto in Inghilterra col mio gruppo e mi hanno chiamato...Ed eccomi qua!

- Che musica facevi prima?

Avevo un gruppo...Facevamo una cosa strana...Tra l'hip hop e i Radiohead (!)

- Interessante...Tra l'altro stasera ho apprezzato molto la vostra cover di Prince (Sign O' The Times)

E' un gran pezzo...ci piace molto farlo!

A questo punto Dan è letteralmente trascinato in un vortice di foto e autografi da parte di fan impazziti (e impazzite...), così lo lasciamo alle incombenze della celebrità e continuiamo con ...

- Una cosa che ci chiedevamo mentre ascoltavamo il concerto era da che musica venite per essere arrivati a ciò che fate adesso...

Domanda intelligente...Finalmente qualcuno che ci chiede di musica e non di cazzate! Ognuno di noi ha la sua storia...Io per esempio arrivo da anni di produzioni di musica elettronica, ma sono nato come chitarrista soul, e questa è la musica che mi ha accompagnato negli anni, insieme poi alle cose meno scontate degli anni '80, che in assoluto però non mi hanno dato molto...

- Il vostro suono in effetti è molto internazionale...

Sì, cerchiamo di raccogliere un pò tutti gli stimoli che ci arrivano...

- E come avviene in pratica la nascita di una vostra canzone?

Suoniamo di solito a partire da un sample su cui poi cerchiamo di costruire il pezzo...

- Mentre per le parti vocali? Non solo quelle di Dan ma anche quelle di Sally( la cantante inglese che canta l'altra metà delle canzoni del gruppo n.d.a.)...

Quelle arrivano da loro...Soprattutto i testi, perchè crediamo che il cantante debba cantare cose nelle quali si riconosce...

- Dan ci ha raccontato come vi siete incontrati...Come è andata invece con Sally?

Anche lei attraverso la rete...Cercavamo una voce femminile per dei brani e siamo arrivati a lei, che tra l'altro ha una formazione diversissima da noi, perchè arriva dalla musica classica e poi celtica...

- In effetti nei brani cantati da lei ho trovato qualche affinità con atmosfere alla Dead Can Dance / Cocteau Twins...

Beh, a me piacerebbe tantissimo collaborare con Lisa Frasier difatti, che ha una voce bellissima...

- E oltre a lei, con chi ti piacerebbe suonare?

Personalmente, mi piacerebbe molto provare a far qualcosa con Billy Corgan...

- Invece come è nata la collaborazione con Rino/Raiss degli Almamegretta?

Lui è un amico da tantissimo tempo...Pensa che abbiamo anche registrato delle cose che non sono mai uscite insieme anche a 3D dei Massive Attack...

- Il disco dove l'avete registrato?

E' stato suonato, prodotto e registrato a Napoli...

- Come mai a Napoli c'è questa fervente scena elettronica un pò meticcia...Oltre a voi e ai gruppi storici come 99Posse e Almamegretta penso anche ai 24 Grana...

Vedi, Napoli è un posto strano...Sta fuori da tutti i giri classici per cui si è potuta creare questa scena assolutamente genuina e personale...Anche se poi è frustrante che se ne debba uscire per rendere più conosciuta la propria musica...

- D'altra parte forse se non fosse così perderebbe un pò proprio questa sua "personalità" e spontaneità no?

Forse hai ragione..Ma rimane in ogni caso abbastanza brutto che si debba andar via per farsi conoscere un pò...

- Tornando a voi...Avete già pronto qualcosa per il futuro?

Mah, questa era l'ultima tappa del tour...Ora ci prendiamo un pò di pausa e poi ci ritroveremo da qualche parte a suonare e a pensare al prossimo disco...Stiamo cercando di contattare, e forse ce la faremo, Angelo Badalamenti (l'autore delle colonne sonore dei film di David Lynch n.d.a.) per farlo collaborare con noi...

- Che bello! Quindi vi piace Lynch?

Si..Pensa che la location del nostro primo video era quella dell'ospedale dove sono state girate alcune scene di Elephant Man...

-Così questa era la vostra ultima tappa del tour...Siete soddisfatti?

Stasera è stato fantastico...Il pubblico era grandissimo...

- Una cosa che abbiamo notato era proprio come il pubblico fosse eterogeneo sia come "appartenenza" che come età...

E' vero...E questa è una cosa di cui andiamo davvero fieri...Ai nostri concerti puoi trovare tanto il punk quanto il clubbettaro...e ci fa molto piacere non appartenere a nessuna tribù...Abbiamo fatto tutti parte di qualche tribù...Ma ora bisogna superare tutto questo e prendere il buono che c'è dappertutto...

- C'erano anche tantissime ragazze...

E anche questo è bellissimo...Spesso il pubblico dei concerti è per lo più maschile...E invece è molto bello che ci siano le ragazze...Con loro c'è una maggiore vibrazione...

-Bene, è tutto...Vi lasciamo riposare...Grazie ragazzi! siete stati molto gentili...Alla prossima!

Grazie a voi..Ciao!


di: BLIXA

foto di: SCRI

Articolo inserito il:


PLANET FUNK


PLANET FUNK


PLANET FUNK

PLANET FUNK

PLANET FUNK