BLOOMRIOT > G215 > LA DROGA CHIAMATA CACAO

LA DROGA CHIAMATA CACAO

Cosa produce l'effetto stimolante del cacao?

LA DROGA CHIAMATA CACAO, .    

G215 > Spesso si pensa che la prima “assunzione” di caffeina da parte degli europei sia avvenuta bevendo caffè oppure the; in realtà è stata la cioccolata la prima bevanda energizzante e stimolante a circolare nei caffè continentali.
Le fave di cacao sono state d’altronde utilizzate per lungo tempo dalle popolazioni centroamericane quale preziosa moneta ed al contempo fonte di una sostanza rinvigorente: lo stesso accadeva con altri prodotti contenenti caffeina, come la noce di cola, i chicchi di caffè ed i pani di the.
La caffeina, cioè il carattere distintivo di questi tre piante alimentari, è un alcaloide stimolante che fa parte del gruppo dei cosiddetti metilxantine. Gli effetti stimolanti che il cacao produce sono dati dalla combinazione della stessa con una sua vicina parente, la teobromina. Entrambe sono stimolanti fisici e mentale che agiscono in modo diverso, anche se con effetti simili.
La teobromina ha un profilo farmacologico simile alla caffeina ed è in genere contenuta in una percentuale media del 2% (polvere di cacao) contro lo 0,2% della sua parente lontana. Tale percentuale varia a seconda della varietà del cacao ed è influenzata anche dal processo di fermentazione. In ogni caso la quantità di teobromina che deve essere assunta per ottenere lo stesso effetto dato dalla caffeina è in realtà molto più elevata, visto che quest’ultima è una metilxantina da 3 a 50 volte più potente. Per quanto riguarda invece la durata, gli effetti della teobromina si “spalmano” su arco temporale più lungo rispetto alla caffeina.


di: DHARMABOY

Articolo inserito il: 2003-04-01


LA DROGA CHIAMATA CACAO