BLOOMRIOT > Letto > MUCCHE PAZZE

MUCCHE PAZZE

"Da un semplice acquisto di prugne secche ad una serie di avventure grottesche e funamboliche"

, MUCCHE PAZZE.    

Narrativa > Lette è australiana, mentre la storia che racconta è ambientata in Inghilterra. Per tutto il libro vedremo imperversare questa piccola differenza culturale come fosse un macigno.
Madeline è una ragazza madre, abita da sola, con il suo piccolo Jack e la sua pazza amica Gillian. Dopo mesi di segregazione causata dal parto, decide finalmente di andare da Harrods a comprare delle prugne secche. Ed è da questo semplice gesto che l’assurdo irrompe nella sua vita. Per un malinteso kafkiano viene arrestata dalla polizia inglese ( che nell’Inghilterra Blairiana si rivela in tutta la sua liberalità ) e da qui coinvolta in una serie di avventure sempre più rocambolesche e squinternate. Si scatena così una storia “traboccante di energia, d’isteria, di rabbia e di funambolismi linguistici” . Lette, infatti ci presenta tutta una carrellata di macchiette che vanno ad affastellare la realtà con la loro carica di assurdo e di grottesco. L’unico vero problema di questo libro, è dare credibilità a tutta una serie di figure, che più che personaggi sono chiaramente macchiette, appunto. Andiamo infatti dalla solita psicologa psicotica alla criminale incallita che ha paura di uscire di prigione, da Gillian , la solita svampita senza una briciola di senso della realtà, a Alex che lascia Madeline appena scopre del figlio . La grande bravura di Lette sta proprio nel dare una credibilità insospettata a tutti questi personaggi. Può così permettersi “colpi duri, bassi e rivelazioni sensazionali in questo romanzo disastrosamente comico, terribilmente spietato ed irriverente”.


di: FRA

Articolo inserito il:


 MUCCHE PAZZE
Hai del materiale iconografico riguardante questo articolo? redazione@bloomriot.org