BLOOMRIOT > Letto > TI AMO HAMID

TI AMO HAMID

"Sono troppo vecchio per lottare, ma questa ipocrisia mi disgusta"

Max Adler, TI AMO HAMID.    

Narrativa > Baghdad 927 dopo cristo.
Il sufi Hamid viene giustiziato ma qualcosa non funziona e alcuni dicono che sia risorto. Intanto i Karmati scendeno dalle montagne per distruggere la capitale. Presidente e israeliti contribuiscono al caos, i grattacieli, le torri e gli amori crollano...

"Ti amo Hamid" č un testo visionario, emotivo al limite della follia: leggetene una pagina e non andrete avanti; forzatevi alla lettura: non riuscirete pił a fermarvi.

E' un libro a pił livelli di lettura che si presta a molte interpretazioni. Ne adottiamo una che, a pensarci bene, ci fa ghiacciare il sangue nelle vene: edito nell'ottobre 2001, "Ti amo Hamid" racconta di una Baghdad su cui stanno per cadere "bombe che recano sul fianco l'effige dell'orso Yoghi, Bubu e Choco Pop", in cui ruspe e caterpillar abbattono nursery e latrine mentre jeep militari scorazzano per i campi profughi trasportando bambini morti sui cofani.

Ma Max Adler "il visionario" va ancora pił in lą arrivando pagina dopo pagina a dipingere quello che sembra oggi essere il ritratto pił drammatico del 52° Stato USA nel Golfo:

"Ma la sofferenza maggiore la provo consolando i pochi superstiti, seduti sulla sabbia calda. Vengono presi da assurdi progetti di rivalsa, anche nazionalistici, e non avvertono le ferite profonde. Ammazzeranno, quando potranno camminare. Non compreranno pił prodotti occidentali, non venderanno pił petrolio, ascolteranno in sogno la voce di moglie e figli, i quali indicheranno l'identitą dei carnefici da uccidere.
Allora metto la mano sulla spalla di quei disperati, illusi, spiegando loro che la vecchia Bagdad non c'e' pił e che se ne sono andati anche gli assassini. Ora possono usare le cartine geografiche, che indicano dove sta la capitale, solo per avvolgere e conservare i datteri. Nulla pił."


di: RADIOTAKESHI

Articolo inserito il:


Max Adler TI AMO HAMID
Hai del materiale iconografico riguardante questo articolo? redazione@bloomriot.org