BLOOMRIOT > Sentito > RADIOHEAD

RADIOHEAD

L'ennesima sorpresa...

RADIOHEAD, .    

Supporti > Alla terza uscita discografica nel corso dell'anno solare (!) i Radiohead si mostrano ancora maestri nel mescolare le carte e interpretare fuori dai canoni il mercato musicale. Il live appena uscito si intitola "I Might be wrong" come una delle canzoni presenti nell'ultimo album studio "Amnesiac" e contiene 8 pezzi, tutti tratti dagli ultimi due album salvo l'indeito "True love waits" un solo di voce chitarra di Tom Yorke.

Il packaging e la grafica dell'album sono già di per se un opera a parte, che batte i precedenti lavori degli stessi Radiohead che sono tutt'altro che trascurati e trascurabili da questo punto di vista. Per quanto riguarda il contenuto, l'album scorre benissimo, la voce di Tom Yorke si conferma sempre più in dissolvimento angelico, anche se non riesco ancora ad inquadrare quest'album, peraltro non lunghissimo, soprattutto per quanto riguarda le intenzioni della band. Potrebbe essere un omaggio a chi ha assistito alle ultime due pre-tourné senza ancora aver sentito l'album (come me, grazie Elena per il biglietto) o una chicca di natale (dubito) oppure un modo per smussare le asperità tecno-effettistiche degli ultimi lavori.

In effetti, a sostegno di quest'ultima tesi, l'album "riumanizza" la band ed i brani proposti, scaldandone il contenuto forse troppo represso dalle interpolazioni da studio e dal massiccio uso di tecnologia nelle registrazioni che gli stessi Radiohead hanno sempre affermato non amare.

Personalmente amo la band, la loro musica ed ho amato il live show e mi piace pensare a questo live come qualcosa di a-commerciale, piccolo e prezioso…..un regalo insomma……….e si sa che nei regali l'importante è il pensiero.


di: DHARMABOY

Articolo inserito il:

Articoli Collegati:
- RADIOHEAD - In Rainbows


RADIOHEAD



Articoli Collegati: