BLOOMRIOT > Sentito > GLUECIFER

GLUECIFER

Ancora una volta gli svedesi ci danno una lezione di rock’n’roll

GLUECIFER, .    

Supporti > Probabilmente c’è qualche strana sostanza in quello che mangiano… probabilmente a scuola studiano materie diverse… probabilmente la i bambini non nascono sotto i cavoli… probabilmente invece del biberon i neonati imbracciano una chitarra e cominciano a suonare… probabilmente hanno dei geni diversi… probabilmente…
Potrebbe anche essere che non sono loro ma siamo noi… potrebbe essere che nel nostro cibo manchi qualcosa… potrebbe essere che noi a scuola studiamo le materie sbagliate…potrebbe essere che solo qui i bambini nascono sotto i cavoli… potrebbe perfino essere che solo qui i bambini giocano con macchinine e bambole o che abbiamo dei geni diversi… potrebbe essere…
Eh già… tutto potrebbe essere, di fatto sta che dalle fredde terre del nord arrivano sempre ottimi dischi di rock’n’roll… Un esempio come un altro è questo ultimo lavoro dei Gluecifer… band di Oslo che si confronta con il quarto disco. Niente di nuovo, ne originale come loro stessi ci confermano “Our new album, basemente apes, is a loud and rigorous document of uncompromising rock music that only real men could deliver”.
La caratteristica principale di questo disco è che è il frutto di una serie di svariate brevi session dalle quali sono stati estrapolati i vari brani che lo compongono. Un altro appunto riguarda gli ospiti… due membri di “Soundtracks of our lives” hanno collaborato alle parti di organo e piano che completano i pezzi di tutto il disco. L’ultimo appunto che i Gluecifer tengono a puntualizzare riguarda le loro tounee:”We can’t wait to return to small, sweaty clubs to burn off our fireworks of hand riffs and wild stage antics.
Beh, più chiari di così!


di: DOC NOISE

Articolo inserito il:


GLUECIFER