BLOOMRIOT > Sentito > THE PROMISE RING

THE PROMISE RING

Basta emo, solo emozioni.

THE PROMISE RING, .    

Supporti > Ammetto che conoscevo i Promise Ring solo di fama, prima di approciarmi a questo “Wood/water” che rappresenta il quarto tassello nella loro storia musicale personale (se consideriamo solo le uscite sulla lunga distanza). E ne sono rimasto sorpreso. Mi spiego: tutti li accostavano a un certo filone punk adolescenziale che andava a braccetto con l’“emo” (un etichetta un po’ bruttina di per sé), mentre qui ci sono “solo” dodici ottime canzoni di un rock raffinato che pesca avanti e indietro negli anni (Simon & Garfunkel incontrano i Flaming Lips? Non solo) e che affianca in alcuni spunti una certa vena acustica all’inglese (Travis? Sì, ma non così sfacciatamente inglesi), per non citare le sfumature pop/folk. Se per “emo” intendete Sunny Day Real Estate o The Get Up Kids, beh, allora quest’album non lo è. Nonostante tutto si ha per le mani un disco pienamente emozionale, nel vero senso della parola e con un’attitudine più radio-friendly che indie-punk. Come non rimanere affascinati da “Size of your life” che, senza lasciare il tempo di pensare, subito avvolge e delizia? Qui di perle ce ne sono (“Become one anything one time”, “Get on the floor”, “Half year sun”, “Letters to the far reaches”), ma quella che risplende più di tutte è sicuramente “Say goodbye good”: melodia pura in cui i Nostri danno il meglio.
Per rimarcare quanto detto finora mi sembra opportuno far notare che “Wood/water” è stato registrato in Inghilterra grazie anche alla collaborazione di Stephen Street, produttore nel passato di gruppi importanti come Smiths, Blur, Morrisey, Cranberries.
Qualche nota negativa? Forse il booklet, senza nemmeno una riga di testo, ma formato da foto di piante di vario tipo: sicuramente ne riconosco una di papiro, per il resto non saprei, la botanica non è nella lista dei miei interessi, ma magari ora va di moda a Milwakee, Winsconsin e dintorni. Ecco cosa tocca dire pur di trovare un’ombra dentro questi cinquanta minuti.


di: EDDIE FELSON

Articolo inserito il:


THE PROMISE RING