BLOOMRIOT > Sentito > DESERT SESSION

DESERT SESSION

Un perfetto esempio di Desert rock

DESERT SESSION, .    

Supporti > A mio modesto parere c’è poco da dire su questo disco. Molto ben fatto e ben suonato. Un perfetto esempio di Desert rock. Ricco di ospiti illustri molto vari: da PJ Harvey a TwiggyRamirez (Marilyn Manson) a Josh Freese (Vandals, A perfect circle). I pezzi passano dalla tranquillità che ricorda pezzi tipici di Lanegan (Dead in Love) alla rabbia che porta alla mente i Queens of the Stone Age (Covered in punks blood).
C’è da considerare che il disco è davvero fluido e piacevole, nonostante la diversità dei vari ospiti e il carattere tipicamente “side project” del lavoro.
Davvero ben curato anche nei suoni e negli arrangiamenti. Guardacaso questo disco è pubblicato da Ipecac Rec. che sembra non sbagliare nemmeno un colpo. Complimenti quindi a Josh Homme, che ancora una volta ha portato a termine l’ennesimo volume targato desert session, e complimenti ancora a Mike Patton per essersi accaparrato la pubblicazione del lavoro.


di: DOC NOISE

Articolo inserito il:


DESERT SESSION