BLOOMRIOT > Visto > E MORI' CON UN FELAFEL IN MANO

E MORI' CON UN FELAFEL IN MANO

Dal romanzo cult di John Birmingham il film che il regista Richard Lowenstein ha dedicato a Michael Hutchence, il cantante degli INXS scomparso da pochi anni

Richard Lowenstein, E MORI' CON UN FELAFEL IN MANO. 2000    

Film > Danny, poco meno che trentenne aspirante scrittore australiano, nevrotico e ossessionato da tutti i più classici dilemmi esistenziali degli uomini è arrivato alla sua quarantasettesima esperienza di convivenza. Nello svolgersi del film passerà alla 48a, e poi alla 49a e alla 50a, senza che nulla cambi in lui: sempre le stesse nevrosi, la stessa depressione...

Dalla languida, pigra, tropicale Brisbane, passando per l'ambiziosa e individualista Sydney (una via di mezzo tra San Francisco e Los Angeles), Danny si muoverà verso la quasi kafkiana Melbourne trascinandosi un eredità di personaggi strampalati e farneticanti, grotteschi e sballati: skinheads tatuati, sette sataniche macrobiotiche, poliziotti violenti... Il tutto condito da una colonna sonora eccezionale che unisce artisti estremamente disparati quali Moby, Nick Cave, Les Negresses Verte, gli Stranglers, gli U2/Passengers...

“Il film” ha detto il regista “parla di identità, di una ricerca delle proprie radici. E' la storia di un trentenne uscito da una storia d'amore da oltre 6 mesi, ma ancora incapace di capire i perché la sua donna lo abbia piantato. Il tutto sullo sfondo di una catena continua di traslochi e convivenze improbabili. Ma il racconto vero punta a mettere a fuoco chi siamo e a che cosa apparteniamo”.


di: RADIOTAKESHI

Articolo inserito il:


E MORI' CON UN FELAFEL IN MANO