BLOOMRIOT > Visto > SAUDADE DO FUTURO

SAUDADE DO FUTURO

Sui grattacieli in costruzione o nelle favelas di Sao Paulo, i Nordestinos immigrati nella megalopoli brasiliana raccontano il loro ''pais mais grande do mundo''

Marie-Clémence, Cesar Paes, SAUDADE DO FUTURO. 2000    

Film > Su Sao Paulo, la infinita metropoli brasiliana (16 milioni di abitanti), sono da sempre piovuti decine di migliaia di poveri emigranti provenienti dalle desolate terre rurali del nord est del Brasile.
Alcuni hanno avuto successo, moltissimi no: disc jockey, scultori, giornalisti, sindaci o tassisti questi immigrati sono comunque rimasti tutti profondamente Nordestinos.

E sono proprio loro che, al ritmo della repente, un genere poetico musicale basato sull'improvvisazione dei versi in rima, ci parlano o meglio, ci cantano, di Sao Paulo, del suo futuro, delle loro speranze. Questi troubadours dei tempi moderni, veri e propri precursori della musica rap, accompagnati da una chitarra o da un tamburo si affrontano a colpi di strofe e di rime, raccontandoci le infinite contraddizioni della loro megalopoli sudamericana.

Prendendo in prestito gli occhi e le voci dei Nordestinos, Cesar Paes ci regala questo documento filmato, vera e propria lettera d'amore alla città.


di: RADIOTAKESHI

Articolo inserito il:


Marie-Clémence, Cesar Paes SAUDADE DO FUTURO
Hai del materiale iconografico riguardante questo articolo? redazione@bloomriot.org