BLOOMRIOT > Visto > GOSFORD PARK

GOSFORD PARK

Dal regista di ''America Oggi'' uno splendido ritratto di un epoca

Robert Altman, GOSFORD PARK. 2001    

Film > Novembre 1932. Una piovosa giornata a Gosford Park, una tenuta a nord di Londra dove un gruppo di aristocratici e il loro seguito si ritrovano per una battuta di caccia.
Nei piani alti si intrecciano storie di nobili spiantati, ufficiali in congedo, parvenue, attori di successo (Ivor Novello, personaggio realmente esistito e interprete di The Lodger (Il pensionante), erroneamente tradotto L'inquilino nel film, uno dei primi film di Hitchcock) e un produttore hollywoodiano venuto a studiare l'aristocrazia inglese per ambientarci un film di Charlie Chan. Nelle cucine a contrappunto si sviluppano le vicende tra il piccolo esercito di servitori, retto da una gerarchia rigorosa e da regole ferree.
E' proprio sui rapporti di classe e sulla solo apparente divisione tra i due mondi che Robert Altman impernia questo film, rievocando atmosfere vicine a James Ivory e Quel che resta del giorno e addirittura citando, con la carneficina della scena di caccia, il capolavoro di Jean Renoir La regola del gioco.
In Gosford Park Altman riesce a delineare con estrema precisione, profondità e distaccata ironia uno stuolo di personaggi dei tipi più disparati e a intrecciare le loro storie con la maestria che ha dimostrato in molti altri film, da America Oggi a I protagonisti. Tanto che la sceneggiatura di Gosford Park è stata premiata con un oscar, merito anche delle battute sarcastiche che infarciscono i dialoghi. Il regista è anche supportato da un ottimo cast, con una Kristin Scott-Thomas che sembra nata per interpretare personaggi degli anni trenta e una straordinaria Helen Mirren.
In questo ritratto di un epoca sembra quasi secondario che ad un certo punto il padrone di casa venga trovato in biblioteca con un coltello infilato nella schiena e si innesti una trama da giallo classico di Agatha Christie. Come in ogni giallo che si rispetti tutti gli invitati hanno dei moventi, però il commissario che arriva da Scotland Yard è una sorta di Poirot con la goffaggine e l'incompetenza dell'ispettore Clouseau


di: A.MA.

Articolo inserito il:


Robert Altman GOSFORD PARK
Hai del materiale iconografico riguardante questo articolo? redazione@bloomriot.org