BLOOMRIOT > Visto > SWEET SIXTEEN

SWEET SIXTEEN

Dopo My name is Joe Ken Loach continua la sua trilogia sulla città scozzese di Glasgow

Ken Loach , SWEET SIXTEEN. 2002    

Film > La vita non è mai stata semplice per Liam, quindicenne di Greenock, uno dei più squallidi sobborghi della già di per sé squallida città di Glasgow. Non ho mai conosciuto il padre, sua madre è in galera per problemi di droga, e l'attuale compagno di lei è uno spacciatore molto violento. Le sue ancore di salvezza sono la sorella diciannovenne e l'amico Pinball. Liam conta i giorni al suo sedicesimo compleanno e soprattutto al giorno della scarcerazione dell'amatissima madre. Per lei vuole solo un futuro migliore, e la sua massima aspirazione sarebbe poterle comprare un prefabbricato in cima alla collina da dove poter ricominciare con una nuova vita, ed è con questo obiettivo che Liam inizia a spacciare e a racimolare denaro.
Ken Loach non abbandona la sua vena sociale e la sua maestria nel raccontare con realismo, e senza cadere in facili sentimentalismi, quelle storie marginali e di sottofondo della società britannica. Un film come al solito duro, in cui non esistono facili vie d'uscita, uno di quei "sani pugni nello stomaco" che ogni tanto fa davvero bene prendersi. Straordinario il cast di attori giovanissimi quasi tutti alla prima prova.


di: A.MA.

Articolo inserito il:


SWEET SIXTEEN