BLOOMRIOT > Visto > LA MALA EDUCACION

LA MALA EDUCACION

Almodovar continua a fare cinema

Pedro Almodovar, LA MALA EDUCACION. 2004    

Film > Il film che ha aperto, ma non vinto l’ultima edizione del Festival di Cannes, è un melodramma noir drammatico ed emotivamente coinvolgente che ha in sé tutta l'opera e la vita del regista spagnolo.
Almodovar, ha voluto precisare che benchè il suo nuovo film tocchi il tema difficile della pedofilia all’interno di un istituto educativo non debba essere giudicato in chiave anticlericale. L'educazione che ha ricevuto riferisce, era basata sulla paura, sul castigo e sul senso di colpa: la vera punizione;
ed è in questo senso che va vista la pellicola. Almodovar sostiene che l'educazione religiosa sia pessima sul piano accademico e su quello spirituale, più che una formazione degli spiriti è una deformazione, a questo si riferisce il titolo La mala education. A proposito della mala educazione e dell'amore proibito, va affermato che tutti gli abusi da parte dei sacerdoti devono essere denunciati perché sono crimini orribili.
La solita vena dissacrante almodovariana, non priva di una certa originalità, lascia spazio ad tocco gentile, non cinico e tagliente, ma sottilmente realista.
In una scuola religiosa dei padri salesiani nella Spagna franchista negli anni 60, Ignacio ed Enrique , studiano e scoprono amore, cinema e paura. La vita per loro nel collegio non è facile: vengono molestati da Padre Manolo, direttore e professore di letteratura del collegio, testimone e partecipe delle loro scoperte, l’omosessualità.
Film vagamente autobiografico, La mala educación è un continuo intrecciarsi d’incontri tra personaggi veri o presunti e di verità solo accennate. I tre si rincontreranno altre due volte una alla fine degli anni 70 e l'ultima negli anni 80.Sprazi di vita che si raccontano. Un flashback avanzato e riportato indietro al tempo narrativo. Necessità appunto un po' di attenzione per il complesso intreccio. Storia di amici e disagio adolescenziale. Trans e travestitismo. Droga e violenza. Passione e desiderio. Forte e vivo, pulsante in tutta la sua totalità descrittiva. Cinema nel cinema ad un certo punto. Non te lo aspetti. Ti spiazza e poi ti riconduce alla realtà filmica.
Almodovar continua a fare cinema.


di: CRISTIAN B.

Articolo inserito il:


LA MALA EDUCACION