BLOOMRIOT > Visto > LE VITE DEGLI ALTRI

LE VITE DEGLI ALTRI

Premio Oscar come miglior film straniero

Florian Henckel von Donnersmarck, LE VITE DEGLI ALTRI. Germania 2006    

Film > Germania dell’Est, anni ’80. Il regime comunista imprime (ancora per pochi anni) la cappa dell’oppressione attraverso metodi polizieschi fondati sul sospetto e sulla delazione. Un drammaturgo e la sua compagna, attrice, pensano di vivere una vita tutto sommato normale, ma in realtà la loro intimità è spiata attimo per attimo da un ufficiale della Stasi: un Ministro si è invaghito della donna e spera in questo modo di eliminare l’ignaro rivale in amore. Ma la spia si lascerà coinvolgere a poco a poco dalle “vite degli altri”, fino a compiere delle scelte estreme… Una persecuzione per futili motivi simboleggia la grande oppressione della dittatura, cui si oppone nel film la capacità dell’individuo di reagire, di contrapporre la propria umanità, la propria moralità, la propria bontà. Un film bello ed emozionante, che ha vinto una quarantina di premi in giro per il mondo (tra cui l’Oscar come miglior film straniero, e premi come miglior film tedesco e come miglior film europeo) attribuiti al film, alla regia, agli sceneggiatura, agli interpreti, e che ha fatto gridare alla rinascita del cinema tedesco.



Film inserito nella Rassegna estiva del Comune di Sesto San Giovanni, in collaborazione con il Bloom di Mezzago "USCIAMO AL CINEMA"


di: Mauro Caron

Articolo inserito il: 2007-07-04


LE VITE DEGLI ALTRI