BLOOMRIOT > Iniziative > LAMPI 2007 2008 Musica negli Occhi   

LAMPI 2007-2008 MUSICA NEGLI OCCHI

La quinta edizione della rassegna di teatro musicale LAMPI.

L’azione importante è teatrale, la musica [separazione immaginaria dell’udito rispetto agli altri sensi] non esiste, inclusiva e intenzionalmente priva d’intenzioni. Il teatro avviene di continuo, avviene che diviene, ogni essere umano si trova nel punto ottimo per la ricezione. John Cage

La quinta stagione di Lampi punta diritta alle orecchie e agli occhi di tutti. Ciascuno avrà la possibilità di trovare il suo filo rosso all’interno del palinsesto e singolarmente all’interno di ciascun evento: musica, teatro, video, pittura e poesia. Classico e jazz, contemporaneo e sperimentale, pop e rock, tutto rigorosamente d’Arte. Grandi nomi del panorama artistico nazionale e internazionale e giovani promesse saldati da una comune passione: portare l’Arte sempre più a contatto con la vita. Come ci insegna John Cage ognuno di noi si trova nel punto ottimo per la ricezione. Ascoltiamo, guardiamo, lasciamoci colpire diritto al cuore

Programma della rassegna musicale LAMPI 07 08 (V edizione)

  • LAMPI 07 08 venerdì 19 ottobre 2007 evento speciale
    STEFANO BOLLANI SOLO PIANO?
    Stefano Bollani, piano solo

  • LAMPI 07 08 16–17 novembre 2007 Teatro Binario 7
    STILL WARM
    Graham Fitkin, tastiere e elettronica e live electronics
    Ruth Wall, arpa classica, celtica e elettrica
    Prima Italiana

  • LAMPI 07 08 18-19 gennaio 2008 Teatro Binario 7
    GIOVANNI SOLLIMA LINEE DI CANTO
    Le musica di Ennio Morricone vista congli occhi di Giovanni Falzone
    Giovanni Falzone electric quartett
    video e allestimenti video Visual Factory Prima Italiana

  • LAMPI 07 08 22-23 febbraio 2008 Teatro Binario 7
    MUSICA NEGLI OCCHI
    di e con Tino Schepis

  • LAMPI 07 08 14-15 marzo 2008 Teatro Binario 7
    BRUCIO NEL VENTO
    La musica di Giovanni Venosta per i film di Silvio Soldini
    G. Venosta piano;
    S. Cerino sax e clarinetti;
    R. Zanisi bouzuki e cümbüs e Musicamorfosi all stars diretta da Renato Rivolta

  • LAMPI 07 08 18 - 19 aprile 2008 Teatro Binario 7
    MARIO BRUNELLO e MONI OVADIA LA PASSIONE SECONDO ME
    Mario Brunello, violoncello e Moni Ovadia, voce cantante e recitante
    Prima Italiana

  • LAMPI 07 08 9-10 maggio 2008 Teatro Binario 7
    MUSICAMORFOSI IL CLAVICEMBALO BEN ACCORCIATO
    Vita morte e miracoli di J.S. Bach


Tutti i concerti iniziano alle ore 21.00 presso Teatro Binario 7, via Turati 8 Monza
Intero 15, Ridotto 12, Under 18 6.
Abbonamento 7 spettacoli: Intero 90, Ridotto 80, Coppia 75x2, Under 18 40

LAMPI 07 08 venerdì 19 ottobre 2007 STEFANO BOLLANI SOLO PIANO?
Stefano Bollani, piano solo Torna a Monza per la prima volta dal 2004 (quando fu ospite della seconda edizione di LAMPI al Teatrino di Corte della Villa Reale di Monza), il grande pianista milanese trapiantato in Toscana. Bollani torna con un recital che taglia trasversalmente la storia della musica: da Mozart a Battisti, da Heidi ai Pink Floyd tutto scorre sotto le dita del musicista italiano dell'anno (“Musica jazz 2006”) fino a presentare alcuni pezzi del disco dell’anno, il suo Piano Solo uscito per la celebre etichetta ECM. Piano solo? Solo piano, forse…ma Bollani è senz’altro molto, molto altro ancora, senza dubbio molto oltre i confini del ruolo di pianista, sebbene eccelso: cantante (mancato come afferma lui stesso) insuperabile intrattenitore, chansonnier e imitatore, parodia, canta, scherza, si prende e ci prende in giro. Come un Listz d’altri tempi invita il pubblico a urlare dalla paltea ogni sorta di temi e titoli sui quali poi lui stesso compone e improvvisa con una facilità e una maestria inimmaginabile. Da ascoltare e riascoltare…
Stefano Bollani dopo una breve esperienza come turnista nel mondo della musica pop (Raf e Jovanotti, ecc,) si afferma nel jazz, collaborando con grandissimi musicisti (Richard Galliano, Gato Barbieri, Pat Metheny, Michel Portal, Lee Konitz …) sui palchi piú prestigiosi del mondo (da Umbria Jazz al Festival di Montreal, dalla Town Hall di New York, alla Scala di Milano). Fra le tappe della sua carriera, fondamentale è la collaborazione iniziata nel 1996 con Enrico Rava.

LAMPI 07 08 16–17 novembre 2007 STILL WARM
concerto per arpe, tastiere e elettronica con videoproiezioni Prima italiana
Graham Fitkin, tastiere, elettronica e live electronics
Ruth Wall, arpa classica, celtica e elettrica
Dopo una lunghissima e acclamata tournée in Inghilterra e l’uscita mondiale del loro nuovo disco (16 luglio 2007) approda per la prima volta in Italia lo spettacolo Still Warm del pianista e compositore Graham Fitkin e della virtuosa dell’arpa Ruth Wall. Con tastiere, live electronics e suoni preregistrati Still Warm fa uscire allo scoperto l’intimo e seducente suono dell’arpa che viene trasformato e condotto verso inaspettati orizzonti sonori. La musica è inquieta, scattante e sensuale, intricata e intrigante. Totalmente accessibile ma al tempo stesso contemporanea. Ruth Wall suona tre arpe, Fitkin suona le tastiere, mixa e manipola digitalmente dal vivo tutti i suoni. La loro musica offusca i confini tra musica da ballo, elettronica e nuova classica. E’ forte e vivida, spesso melodicamente seducente, armonicamente sontuosa e ritmicamente intricata, immediata e al tempo stesso interminabilmente affascinate. Musica e video piaceranno a chi ama Philip Glass, Steve Reich e Terry Riley, a chi adora le colonne sonore di John Barry, Ennio Morricone e Bernard Hermann e a chi tra i più giovani è conquistato da Groove Armada e Faithless.
Graham Fitkin è uno dei compositori britannici più famosi della sua generazione. Ha studiato con Louis Andriessen ed è stato Residence Composer per la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra e per due anni per la Tokyo Symphony Orchestra, Halle, BBC Philharmonic e la London Symphony Orchestra. Suoi dischi sono pubblicati dalle etichette Argo e Decca. Musicamorfosi suona e diffonde in Italia la musica di Fitkin dal 1997.

18-19 gennaio 2008
LAMPI 07 08 GIOVANNI SOLLIMA LINEE DI CANTO
Giovanni Sollima violoncello e elettronica Giovanni Sollima violoncellista e compositore è stato definito da Time Out New York, il Jimi Hendrix del violoncello. Le sue composizioni sono eseguite in tutti i continenti, e fra i maggiori interpreti si trovano direttori come Muti con la Filarmonica della Scala, Kremer con la Kremerata Baltica, Bashmet con I Solisti di Mosca, Gatti con l'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, Fischer con l’Orchestra dell’Accademia di S. Cecilia di Roma; solisti come Yo-Yo Ma, Mischa Maisky, Viktoria Mullova, Mario Brunello, Bruno Canino, Katia Labeque, interpreti vocali come Ruggero Raimondi, Patti Smith, Vinicio Capossela, Morgan, Edoardo Bennato ed Elisa; coreografi come Micha van Hoecke e Carolyn Carlson. La sua carriera si dispiega fra sedi prestigiose ed ambiti alternativi, vicini al pubblico più giovane e di confine: il 21 gennaio 2007 ha debuttato alla Scala, esaurita in ogni ordine di posti, due settimane dopo ha riproposto lo stesso programma a Radio DeeJay, nella fascia di maggior ascolto. Nel 2001 Gidon Kremer e la Kremerata Baltica incidono Violoncelles, vibrez!. Nell’ambito della cosiddetta musica contemporanea, si tratta del brano di autore italiano vivente più eseguito nel mondo. Il video musicale di Lasse Gjertsen & Giovanni Sollima Sogno ad occhi aperti (DayDream) ha superato nel giugno 2007 le 500.000 views: 8.333 al giorno, 347 all’ora, 6 al secondo, si tratta probabilmente di un record mondiale, per quanto riguarda un video musicale in YouTube al di fuori dell’ambito strettamente pop-rock.

22-23 febbraio 2008
MUSICA NEGLI OCCHI
La musica di Ennio Morricone vista con gli occhi di Giovanni Falzone: dagli spaghetti western di Sergio Leone a Dario Argento, da Nuovo Cinema Paradiso a Il Clan dei Siciliani Prima italiana Giovanni Falzone Electric Quartett Giovanni Falzone, tromba e elettronica; Valerio Scrignoli, chitarra elettrica Michele Tacchi, basso elettrico; Riccardo Tosi, batteria video Visual Factory idea e progetto Saul Beretta, produzione Musicamorfosi Colonne sonore rimaste impresse nei nostri occhi e attaccate alla nostra pelle. Giovanni Falzone rilegge Ennio Morricone: jazz elettrico, ritmi incalzanti, suoni frenetici, invenzioni armoniche e psichedeliche colorano e rinnovano la magia di temi geniali e melodie che hanno fatto la storia della musica da film dagli anni’60 ad oggi. Un viaggio unico per le orecchie e per gli occhi tra musica e immagini di film firmati da Sergio Leone (Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo, Giù la testa, C’era una volta in America), Dario Argento (L’uccello dalle piume di Cristallo), Elio Petri (Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto), Giuseppe Tornatore (Nuovo cinema Paradiso). Seguendo la produzione pressochè sterminata di Morricone percorreremo film che hanno fatto la storia del cinema e alcuni che, giustamente dimenticati, continuano a contenere gemme musicali preziosissime.
Giovanni Falzone , trombettista e compositore. Vincitore del primo Premio "Miglior Talento Umbria Jazz 2000". Dal 1996 ad oggi ha suonato con direttori e solisti di fama internazionale: Sinopoli, Abbado, Giulini, Chailly, Sado, Berio, Jurowski, Giergev, Accardo, Domingo. Da cinque stagioni le sue composizioni vengono regolarmente eseguite dall'Orchestra Verdi di Milano di cui per 6 anni è stato prima tromba. Dal novembre 2002 SOUL NOTE ha prodotto quattro suoi progetti. Premio Django d’or 2004 nella categoria Miglior Nuovo Talento. Primo classificato nel referendum indetto dalla rivista Musica Jazz nel 2004 come Miglior Nuovo Talento. Collabora con Musicamorfosi dal 2005.

14-15 marzo 2008
BRUCIO NEL VENTO
La musica di Giovanni Venosta per il film di Silvio Soldini Otto colonne sonore originali riscritte, riarrangiate e riorchestrate personalmente dall'autore.
Giovanni Venosta pianoforte; Sandro Cerino sax e clarinetti Roberto Zanisi corde, cümbüs e percussioni; Massimo Mariani chitarre e mandolini Tito Mangialajo contrabbasso Gennaro Scarpato batteria e percussioni; Debora Mancini voce recitante Silvia Mandolini violino solista e Musicamorfosi ensemble diretta da Renato Rivolta regia Francesco Frongia una produzione Musicamorfosi in collaborazione con Lumiere film
Definito da Morando Morandini “il più emozionante spettacolo di musica cinematografica” torna dopo il debutto al Teatrino della Villa Reale nel 2003 in versione rinnovata e ampliata l’emozionante concerto spettacolo che ripercorre tutte le tappe della felice collaborazione tra il pianista e compositore Giovanni Venosta e il regista Silvio Soldini: da Pane e Tulipani a L’aria serena dell’Ovest, da Agata e la Tempesta a Brucio nel Vento fino alla musica per il film di prossima uscita nelle sale: Nuvole e Giorni. Un affiatato gruppo di 15 musicisti in un concerto in bilico tra musica sperimentale e neoromantica, tra pop-rock, e classica, capace di sorprendere e accendere orecchie e occhi.
Giovanni Venosta in campo cinematografico è conosciuto soprattutto per la stretta collaborazione con Silvio Soldini. In campo discografico CAM e Virgin hanno pubblicato gran parte delle sue colonne sonore. Inoltre ha realizzato progetti in collaborazione con Roberto Musci, Massimo Mariani, Alfredo Lagos, pubbilcati dalle prestigiose etichette Recommended Records (UK) e Les disques Victo (Canada), specializzate in musica sperimentale.

18-19 aprile 2008
LAMPI 07 08 MARIO BRUNELLO e MONI OVADIA LA PASSIONE SECONDO ME
Prima italiana
Mario Brunello, violoncello Moni Ovadia, voce recitante e cantante Massimo Mariani elettronica e regia dei suoni idea e progetto Saul Beretta; regia e video Francesco Frongia produzione Musicamorfosi in collaborazione con La Fabbrica dell’uomo
La Passione declinanata in tutte le possibili accezioni: amorosa, umana, civile. Un viaggio musicale dentro la città di Sarajevo, martoriata capitale della Bosnia e Herzegovina, luogo di incontro tra est e ovest, insieme città asburguca e capitale musulmana, avamposto di oriente e occidente, esempio di convivenza e cultura troppo complesso per meritare di essere capito e difeso. Brunello e Ovadia ci conducono nella città di Sarajevo, fanno scivolare sotto i nostri occhi attoniti e attraverso le nostre orecchie sorde il canto di una città, ci lasciano intravedere la sua ricchezza, la sua storia di libertà di città islamica e insieme capitale europea.
Mario Brunello è uno dei più apprezzati e famosi violoncellisti del mondo. Ha vinto nel 1986 il primo premio assoluto al Concorso ajkovskij di Mosca. Da allora suona il suo Maggini del 1605 con tutte le più grandi orchestre nei centri più importanti del mondo. Ha collaborato e collabora conmusicisti jazz (Vinicio Capossela, Uri Caine, Gian Maria Testa, Paolo Fresu), attori (Maddalena Crippa e Marco Paolini). Dal 2002 incide in esclusiva con la giapponese DJV Victor Collabora con Musicamorfosi dal 2002.
Moni Ovadia nasce in Bulgaria da una famiglia ebraica sefardita, greco-turca da parte di padre, serba da parte di madre e negli anni '40 si trasferisce a Milano. Con Oylem Goylem, si impone all’attenzione del grande pubblico e della critica. Cinema (Moretti, Monicelli, Andò), radio, dischi, letteratura, lezioni universitarie ed infine direttore artistico del Mittelfest di Cividale del Friuli fanno da contrappunto alla sua attività teatrale. Premio speciale UBU 1996 per la sperimentazioni su teatro e musica, premio Amelia, premio Palmi nel 2002 e premio Govi nel 2003.

9-10 maggio 2008
LAMPI 07 08 MUSICAMORFOSI IL CLAVICEMBALO BEN ACCORCIATO
Vita morte e miracoli di J.S. Bach
ideato e scritto da Saul Beretta regia Massimiliano Cividati con Andrea Zani, pianoforte Debora Mancini nella parte di Uccia Manci brava e competente conduttrice televisiva Ancilla Oggioni nella parte di Anna Magdalena Bach Alessandro Spina, basso con le InterOrchestre di Milano e Monza e Brianza e la parteipazione in video di Stefano Bollani.
In tempi dove la musica classica giace sopita solo in spot pubblicitari e suonerie di telefoni cellulari uno spettacolo felicemente istruttivo, dove si ride di tutte quelle cose che classicamente mettono i più in grave e palese soggezione. Il Clavicembalo ben Accorciato segna una nuova puntata della trasmissione televisiva Nuovi Orizzonti nella Comprensione della Musica Classica che è bellissima, che questa volta viene dedicata al grande Johann Sebastian Bach, un grande classico, come il Glenn Grant, in un format capace di portarlo felicemente alla bocca e alle orecchie di tutti. Uno spettacolo ricco di scoop che contribuisce a smontare i pregiudizi della vecchia musicologia. Bach parruccone incipriato? Devoto discepolo intento a glorificare Dio? Macchè! In diretta dall’Isola dei Compositori dove si sta godendo una meritata pensione, incontreremo il Padre della Musica Occidentale che risponderà a tutte le nostre domande.
MUSICAMORFOSI è un’associazione musicale, non è un gruppo, ma un sistema relazionale aperto capace di tenere assieme teste pensanti e mani generose, idee sull’orlo, attrici, musicisti, jazz, pop, cantautori, videoartisti e creativi, emergenti e sommersi. Per la Provincia di Milano, direzione Monza Brianza ha ideato e realizzato il format NOTTURNI una serie di eventi musicali teatrali con videoproiezioni volti a valorizzare il patrimonio artistico della Brianza. Per Auditorium ha pubblicato il cd BYE BYE MOZART distribuito con il magazine INSOUND in oltre 10.000 copie e ora distribuito anche in USA. Il brano De Cara a la pared inserito nel disco LUZ è stato incluso nella prestigiosa compilation 10 Corso Como e distribuito in Europa, America e Giappone. Per l’alto valore innovativo e educativo dei suoi progetti Musicamorfosi è sostenuta dalla Fondazione CARIPLO dal 2000.

MUSICAMORFOSI è un’associazione musicale, non è un gruppo, ma un sistema relazionale aperto capace di tenere assieme teste pensanti e mani generose, idee sull’orlo, attrici, musicisti, jazz, pop, cantautori, videoartisti e creativi, emergenti e sommersi. Saul Beretta, inventore, promotore e agitatore di insolite iniziative musicali, è il suo inventore e direttore artistico.
Musicamorfosi ha sviluppato la propria attività di educazione musicale, produzione culturale e di spettacolo, sviluppando nel territorio di Monza e Brianza un percorso di sperimentazione e ricerca musicale, che ha condotto a un modello di concerto spettacolo, nel quale linguaggi e forme dello spettacolo dal vivo – video, teatro e musica, classico e contemporaneo, jazz e musica etnica – si mescolano in un omogeneo insieme espressivo.
Per il Comune di Monza dal 2003 idea e produce LAMPI, originale rassegna di teatro musicale senza confine di genere, una scommessa culturale – capace di attrarre grandi nomi della musica contemporanea di tradizione classica, jazz o di ambiente pop, (Mario Brunello, Vinicio Capossela, La Crus, Stefano Bollani, Gianmaria Testa, Giovanni Venosta, Giovanni Falzone) nata nel Teatrino di Corte della Villa Reale di Monza e oggi ospitata nel nuovo Teatro Binario 7. Per la Provincia di Milano, direzione Monza Brianza ha ideato e realizzato il format NOTTURNI una serie di eventi musicali teatrali con videoproiezioni volti a valorizzare il patrimonio artistico della Brianza. (oltre 2.000 spettatori per ciascun evento)

Musicamorfosi come ensemble ha al suo attivo numerose prime esecuzioni assolute e prime italiane, ha realizzato per Fabbri Editori la 1° incisione del Concertino di F. Donatoni (oltre 10.000 copie vendute) per Auditorium: LAMPI, e per Velut Luna il Cd LUZ, ha suonato dal vivo a RADIORAI3 e a Radio Popolare. Per Auditorium ha pubblicato il cd BYE BYE MOZART distribuito con il magazine INSOUND in oltre 10.00 copie e ora distribuito anche in USA. Il brano De Cara a la pared inserito nel disco LUZ è stato incluso nella prestigiosa compilation 10 Corso Como e distribuito in Europa, America e Giappone.

Musicamorfosi ha collaborato e collabora nell’ambito della musica classica e contemporanea con: Mario Brunello, Sandro Gorli e Divertimento ensemble, Conservatorio G. Verdi di Milano, Orchestra d’Archi Italiana, Michele Tadini e AGON, Renato Rivolta, MM&T. Nell’ambito della musica da film: Giovanni Venosta, Maurizio Marsico; nell’ambito del jazz e della canzone d’autore: Vinicio Capossela, Giovanni Falzone, Gianmaria Testa, i La CRUS, Sandro Cerino, Daniele Di Gregorio. Nell’ambito teatrale con Andrea Taddei, Filippo Timi, Francesco Frongia, Massimiliano Cividati, Gaetano Callegaro, Moni Ovadia.

LAMPI è una produzione Musicamorfosi
tel. 0362 507944
fax 0362 526462
mobile 331 4519922
sito: www.musicamorfosi.it
mail: mcm@musicamorfosi.it

COME ARRIVARE ALLA RASSEGNA DI TEATRO MUSICALE LAMPI presso TEATRO BINARIO 7
Indirizzo del TEATRO BINARIO 7: Teatro Binario 7 - Via Turati 8, 20052 Monza.
Il TEATRO BINARIO 7 è situato nei pressi della stazione ferroviaria di Monza, dalla quale si accede direttamente alla piazza del teatro tramite il nuovo ingresso di Porta Castello.
Davanti all’ingresso del teatro fermano gli autobus delle linee n. 1 (S. Albino – S. Alessandro), n. 3 (Brugherio - Villasanta) e n. 6 (Nuovo Ospedale San Gerardo – Via Pellegrini/Via Pompei).